Casinò italiani: ecco perché soltanto quattro sono legali

, , Leave a comment

La normativa sul gioco d’azzardo è molto ferrea tant’è che esistono soltanto quattro casinò legali in Italia: Campione d’Italia, San Remo, Venezia e Saint Vincent. L’apertura di case da gioco illegali è punita dagli articoli 718 e 722 del codice penale ma a queste quattro realtà è stato consentito di operare nella piena legalità.

In  questi casi, infatti, il legislatore non si è interessato di come e da chi possa essere autorizzato l’esercizio del gioco d’azzardo, ma unicamente di assicurare il pagamento delle imposte in relazione ai cospicui movimenti di ricchezza che in occasione dell’esercizio del gioco d’azzardo sempre si verificano.

casinò italianiSono passati 18 anni dall’ultima sentenza della Corte Costituzionale che ha espresso l’esigenza di una revisione normativa su scala nazionale ma da allora dal punto di vista legislativo non  si è mosso niente.

L’urgenza di un provvedimento oggi deriva  non solo da motivi di doverosa salvaguardia degli interessi economici nazionali ma anche dalla circostanza che l’eventuale nuova remissione della materia al vaglio della Consulta produrrebbe probabilmente la dichiarazione di incostituzionalità della normativa che consente alle quattro case da gioco operanti in Italia di svolgere la loro attività.

La loro posizione si trova da anni, come dire, sul filo del rasoio e potrebbe precipitare da un momento all’altro. La cosa più probabile è che, come accaduto in molti altri settori, alla fine sarà l’Europa a sbloccare la situazione considerando che esistono oggi quasi mille case da gioco sparse nei vari paesi del vecchio continente ciascuna aperta in base a normative diverse.

Oltre alle quattro sale da gioco esistenti in Italia, il resto del gioco d’azzardo è regolato oggi dall’Agenzia delle Dogane con lo Stato, dunque, che ha diritto a percentuali su tutte le giocate. Ben regolamentati sono invece i casinò virtuali che stanno prendendo sempre più piede negli ultimi anni. Il problema è stato fino ad oggi quello di rendere le transazioni dei giocatori sicure e di creare sistemi che non fossero in grado di alterare le probabilità di vincita inducendo i giocatori a finire in un vero e proprio tunnel del gioco senza concedere loro nulla in cambio.

Mentre tutte le sale da gioco fatta eccezione per le quattro elencante sono illegali, online sono autorizzati tutti siti che godono di certificazione Aams.  Un vero e proprio paradosso se si considera che nell’intimità di casa i giocatori sono portati a spendere anche di più e con maggiore frequenza rispetto alle sale da gioco fisiche.

 

Leave a Reply