L’importanza dei vaccini per ogni età: lo spiega la campagna di IncontroDonnaOnlus

Un calendario a forma di disco orario per ricordare, soprattutto agli adulti, quali sono i vaccini da fare ai più piccoli man mano che crescono, dai primissimi mesi di vita fino all’età scolare ma anche oltre, fino ad arrivare alla terza età.

vaccini per ogni etàE’ l’obiettivo di una campagna informativa davvero interessante iniziata il 2 novembre e in corso fino al 20 dello stesso mese che ha previsto tre eventi in altrettante città italiane, Bologna, Palermo e Roma, per dare informazioni dettagliate sull’argomento ed eventualmente dissipi rare i dubbi dei genitori.

La campagna si chiama #lavaccinazionenonhaetà ed è stata lanciata a Roma da IncontraDonna Onlus con il sostegno del Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità (ISS) e Farmindustria; il progetto, inoltre, ha visto la collaborazione della Coop e il Patrocinio di FNMCeO, SItI, e SIP. In ben 142 centro Coop è stato allestito una sorta di corner salute dove viene distribuito il calendario a forma di disco e altro materiale informativo.

Come ha spiegato Adriana Bonifacino, presidente di IncontraDonna onlus, associazione no profit su base volontaria fondata a Roma nel giugno 2008, è ovviamente quello di ricordare l’importanza delle vaccinazioni.

Senza la prevenzione non andiamo da nessuna parte – ha spiegato presentando la campagna – Questi sono i messaggi che devono raggiungere le famiglie, non possiamo distrarci rispetto alla salute della famiglia dal bambino fino all’anziano.

Il calendario a forma di disco indica in maniera chiara e precisa quali sono i vaccini a cui sottoporsi, dall’infanzia fino all’età più avanzata, ed è stato preparato sulla base del nuovo Piano approvato recentemente e finanziato nella prossima manovra finanziaria. La campagna #lavaccinazionenonhaetà, che fin’ora ha ottenuto un buon riscontro di pubblico, si propone anche un altro scopo molto importante, ovvero sfatare quelle leggende metropolitane che molto spesso circolano sulla presunta pericolosità dei vaccini.

A questo proposito basti sapere che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le vaccinazioni salvano 2,5 milioni di vite l’anno nel mondo, ovvero 7mila al giorno, 300 all’ora, 5 al minuto. Per questo motivo c’è assolutamente bisogno di una corretta informazione e sensibilizzazione verso l’argomento. Anche perché le malattie infettive possono colpire tutti indistintamente, uomo o donna, bambino oppure adulto.

Per questo motivo già nell’aprile 2016 in Italia è nata anche la ‘Carta italiana per la promozione delle vaccinazioni’a cura del network TeamVax per sostenere i programmi di immunizzazione nel Paese e contrastare il preoccupante calo delle coperture vaccinali che si è registrato negli ultimi anni.

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *